23.09.19 – Benassi e Fink a Camera, fino al 29 settembre

Ancora pochi giorni per visitare la doppia mostra proposta da Camera – Centro Italiano per la Fotografia, in via delle Rosine 18 a Torino: la chiusura è prevista domenica 29 settembre.

Le due mostre, allestite in contemporanea, mettono in dialogo e a confronto due autori, diversi per generazioni e formazione, accomunati dall’approccio al linguaggio fotografico.

Presentano infatti diversi aspetti comuni, sia dal punto di vista tematico che da quello specificamente fotografico: gli autori utilizzano unicamente il bianco e nero e adottano l’uso del flash per focalizzare l’attenzione sul soggetto della rappresentazione, esaltandone atmosfera, forma e contenuto.

Crack del fotografo Jacopo Benassi (La Spezia, 1970) propone sessanta immagini realizzate riflettendo sul rapporto tra classicità e contemporaneità nei corpi, e nei legami che gli individui instaurano con uomini e ambienti.

Nelle parole di Walter Guadagnini, curatore della mostra, Crack “è un atlante del corpo, elaborato tra gli estremi della plastica antica e della flagranza fisica contemporanea”.

Benassi, affiancando immagini di sculture e di corpi fisici, sottolinea la decadenza sia per il corpo umano sia per il corpo scolpito, ma anche la possibilità di ricomposizione delle fratture, delle rotture.

Rafforzano tale visione le cornici scarnificate, i vetri fratturati, i supporti in legno carbonizzati, parti integranti del progetto espositivo, che aumentano la carica drammatica delle immagini.

Prendendo altresì spunto dalla grave frattura di una sua gamba, Benassi cerca immaginifici agganci visivi e mentali tra il suo corpo “fratturato” e gli elementi naturali o materiali che lo circondano.

Il rigoroso bianco e nero e un uso sfacciato del flash, conferiscono alle stesse una durezza ancor più drammatica, al limite della disperata malinconia.

Unbridled Curiosity del fotografo americano Larry Fink (Brooklyn,New York,1941), raccoglie in modo antologico oltre novanta immagini, realizzate dagli anni Sessanta a oggi.

Curata a quattro mani con Walter Guadagnini, la selezione in bianco e nero, tra grandi e piccoli formati, mira a evidenziare con potenza estetica quei legami tra le persone e tra le persone e i luoghi che Fink, nel corso di tutta la sua carriera, ha saputo immortalare con occhio attento e “sfrenata curiosità” (Unbridled Curiosity), mischiandosi senza nascondersi, cogliendo momenti di intimità e soprattutto mettendo in evidenza l’anima dei soggetti ritratti.

Le grandi battaglie civili, i party esclusivi tra Hollywood e i grandi musei, la vita rurale, le palestre pugilistiche: nulla sfugge all’obiettivo di Fink.

“La mia vita è una cascata di rivelazioni empatiche” commenta Larry Fink.

L’aspetto di linguaggio fotografico che mi preme mettere qui in risalto è il punto di presa, estremamente ravvicinato al soggetto, al limite della distorsione e della sfocatura.

Viene così sottolineata la vicinanza ai soggetti ripresi, fisica e di relazione, che esclude ogni velleità voyeuristica o atteggiamenti da paparazzo. Al contrario si percepisce una intimità coi soggetti reale e non esibita, ricercata dagli stessi con piacere e naturalezza.

Fink entra in tal modo nei contesti dove si svolge la vita e l’azione, riprendendo da protagonista e non da spettatore, offrendoci un punto di vista attento ed esclusivo.

Camera, via delle Rosine 18, Torino, per orari e biglietti : http://camera.to/informazioni/

Foto: Giorgio Cerutti

23.09.19 – Mostre ed eventi per il weekend

Sabato 28, ore 17,30 - Marco Gualazzini Public Lecture a World Press Photo di Torino: da non perdere

Stamattina ho partecipato alla preview con la stampa della tappa torinese di World Press Photo 2019
Darò un ampio resoconto, spero, domani.
Mi preme tuttavia segnalare con urgenza un importante incontro previsto per sabato 28, alle 17,30 presso la mostra alla ex Borsa Valori in piazza Valdo Fusi, con accesso separato e gratuito.

Si tratta della Lectio Magistralis tenuta da Marco Gualazzini, 43 anni ben portati, fotoreporter parmense, primo classificato nella categoria "Environment Stories", finalista per il World Press Photo of the Year.
Il suo reportage riguarda  la crisi umanitario in corso nel bacino del Ciad. Il lago Ciad si sta prosciugando, la zona è in fase di desertificazione.
Al contrario aumenta il conflitto sociale tra chi viveva di pesca e gli allevatori, ed anche il jihadismo di Bokp Aram. Il tutto contribuisce a generare un flusso migratorio di circa 2,5 milioni di persone.
Oggi ho avuto il piacere di un incontro di un quarto d'ora con lui e sono rimasto colpito da alcune cose che mi ha detto.
Invito comunque a visitare la mostra, ma, per il momento, mi limito a consigliare molto caldamente di partecipare alla Lectio di sabato 28. 
E per ora propongo tre parole, chiavi di lettura sul suo lavoro: gentilezza, delicatezza, empatia.
Tre parole che mi corrispondono e che mi hanno fatto amare a prima vista alcune sue fotografie tra quelle selezionate per il Premio.
Andate e provate a trovarne altre.
Photo (c) Scatti lenti by Giorgio Cerutti

- settembre 27, 2019 Nessun commento:

Invia tramite emailPostalo sul blogCondividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su Pinterest

Etichette: conferenza, incontro con l'Autore, mostre, Torino

Ubicazione: Torino TO, Italia

Mostre fotografiche per il week end 27-29 settembre

Consigliamo per questo weekend alcune mostre in alcune importanti residenze sabaude.

Alla Reggia di Venaria

David LaChapelle

Atti Divini

La mostra è una grande monografica di David LaChapelle, uno dei più noti fotografi e registi contemporanei a livello mondiale.

Presso la Citroniera delle Scuderie Juvarriane, la grande mostra di David LaChapelle Atti Divini invita i visitatori ad immergersi in una coinvolgente visione dei lavori del famoso fotografo americano.

Questa nuova rassegna propone 70 opere di grandi e grandissimi formati, le più significative dei vari periodi della carriera dell’artista: Rape of Africa (2009) e Showtime at the Apocalypse (2013), ma anche le vivaci ed elettrizzanti serie Land SCAPE (2013) e Gas (2013).

Al centro del percorso espositivo troviamo Deluge (2007) e a seguire lavori come Awakened (2007) e Seismic Shift (2012).

Questa mostra, Atti Divini presenta per la prima volta alcune opere inedite della nuova serie di LaChapelle New World (2017-2019) che rappresenta lo stupore dell’artista per il sublime e la ricerca della spiritualità in scene di utopia tropicale.

Viaggio nei Giardini d’Europa

Da Le Nôtre a Henry James

Chiude il 20 ottobre

Nell'ambito dell'iniziativa Vivi i Giardini, una suggestiva esposizione fotografica sui giardini più belli delle grandi Regge d’Europa.

La mostra presenta una serie di fotografie di ampio formato, esposte nei Giardini della Reggia Venaria, riguardanti alcuni aspetti caratterizzanti i giardini storici e nello specifico ritraggono i giardini delle Residenze Reali d’Europa, da Caserta al Cremlino a Versailles, dal Royal Palace di Godollo agli Historic Royal Palaces inglesi, da Het Loo a Peterhof e a Sanssouci in Postdam.

120 scatti che ritraggono giochi d’acqua, architetture, sculture, parterre, orti e giochi prospettici dei più bei giardini d’Europa.

La mostra è itinerante: passeggiando nei giardini si incontrano sei sezioni di raccolta immagini, gli spazi coinvolti sono la Peschiera, il Potager, il Roseto, il Gran Parterre e l’allea d’Ercole.

Le fotografie sono state raccolte attraverso una richiesta ufficiale inoltrata alle residenze dell’ARRE (Associazione delle Residenze Reali Europee) che hanno aderito con entusiasmo e originalità.

L’occasione di trovarsi alla Reggia, è ghiotta anche per visitare la grande mostra

Art nouveau

Il trionfo della bellezza

Con manifesti, dipinti, sculture, mobili e ceramiche, la mostra - con un corpus di 200 opere - racconta la straordinaria fioritura artistica che ha travolto e cambiato il gusto tra la fine dell'Ottocento e i primi anni del Novecento.

Info per i biglietti della Reggia e delle mostre

https://www.lavenaria.it/it/visita/quanto-costa/mostre

Presso Camera – Centro per la Fotografia

Fino a domenica 29 (non ci saranno proroghe, in vista della nuova fantastica mostra di cui parlerò) le due mostre in contemporanea di cui già ho scritto in questo blog (vedi)

Larry Fink. Unbridled Curiosity

e Jacopo Benassi. Crack

Presso Ex Borsa Valori

Da oggi fino al 17 novembre

World Press Photo 2019

a Torino la mostra di fotogiornalismo più importante al mondo

Ne abbiamo parlato qui ieri (vedi)

Presso le Scuderie della Tesoriera

Corso Francia 192

Mostra di fotografie d’autore

Venerdì 27, ore 15,30 – 19 / Sabato 28, ore 9,30 – 22 / Domenica 29, ore 9,30 - 19

Ingresso libero

22.09.19 – Apertura del Blog

22 settembre 2019 - Apertura del Blog

 

 

 

Inizia oggi l'avventura del Blog di Scatti lenti

L'intento che mi pongo è quello di seguire il panorama artistico torinese (magari anche non solo) con particolare riferimento alla Fotografia.
In tal caso mi propongo di seguire anche i principali eventi e le principali manifestazioni di Fotografia, ad ogni livello, locale, nazionale ed internazionale, che possano essere seguiti o avere rilevanza per il nostro pubblico di riferimento.
Il blog si occuperà ovviamente anche delle attività di Scatti lenti by Giorgio Cerutti, artistiche, didattiche e di viaggio.
Sarà anche uno strumento flessibile e pratico per fare riflessioni sulla nostra arte preferita e per offrire pillole di fotografia, anche da un punto di vista tecnico.
L'auspicio è di rendere un servizio utile ed interessante, accrescendo la nostra grande passione.

https://scattilenti.blogspot.com/2019/09/apertura-del-blog-di-scatti-lenti.html

16.09.19 – XII Corso di fotografia, prima lezione 23 settembre

Inizia lunedì 23 settembre, alle 20.30, il dodicesimo corso di fotografia curato da Scatti lenti e tenuto dal fotografo Giorgio Cerutti.

La sede è sempre quella della sala delle scuderie della Tesoriera in Corso Francia 192 a Torino, metrò MonteGrappa.

La prima serata, totalmente gratuita, è aperta a tutti.

Sarà presentata l'attività di Scatti lenti e naturalmente il Corso di Fotografia e le altre attività didattiche.

Seguirà la prima lezione, molto utile per capire lo stile ed il metodo con cui sarà svolto il Corso, che non è per nulla confrontabile con altri offerti dal mercato molto affollato.

La tua presenza è molto gradita!

6.2.19 – Martedì grasso al Carnevale di Ivrea

Scatti lenti by Giorgio Cerutti organizza, anche quest'anno, una giornata al Carnevale di Ivrea, con Accompagnatore Capogruppo (di seguito AC) il fotografo Giorgio Cerutti.
La giornata si svolgerà anche con la guida e l’assistenza della esperta fotografa professionista Sandra Buat, eporediese e veterana del Carnevale della Battaglia delle arance.
Oltre a fornire informazioni ed utili consigli sulla protezione delle attrezzature fotografiche, avremo anche la possibilità di appostarci nelle location più propizie.
Inoltre il martedì grasso è meno affollato e quindi ci sarà possibilità di godere ancora più di questa giornata, in tutte le sue fasi più interessanti.

La giornata ad Ivrea inizierà in tarda mattinata, con una perlustrazione, approntamento delle attrezzature ed istruzioni di massima, proseguirà seguendo il Programma del Carnevale e terminerà a tarda sera, quando si potrà ancora osservare la città dopo la battaglia, durante le fasi della “pulizia” e dello “scioglimento” delle squadre.
Il dettaglio della giornata sarà fornito agli iscritti.
Sono richieste conoscenze di base della fotografia, la conoscenza delle funzioni della propria fotocamera ed un immancabile copricapo rosso, per non essere oggetto intenzionale di lancio di arance.  Sono fortemente consigliati stivali di gomma, abbigliamento “impermeabile”, un monopiede,  sacchetti plastici trasparenti e senza scritte per alimenti tipo freezer e nastro adesivo in carta.
Il raduno a Torino sarà alle ore 9, davanti alla Tesoriera, corso Francia 186.
Raggiungeremo Ivrea condividendo auto e spese (carburante e autostrada) tra i partecipanti.
Il pranzo è libero. Per cena è prevista una pizza, insieme alla fotografa accompagnatrice.
La quota individuale di partecipazione è di 20 euro (che comprende solo l’organizzazione e l’accompagnamento). Tutto il resto non è compreso.
Numero massimo di partecipanti: 10 persone. Iscrizioni entro e non oltre il 26 febbraio, inviando la scheda di iscrizione alla mail info@scattilenti.it

  MODULO DI ISCRIZIONE

Scaricare il pdf, compilare ed inviare a info@scattilenti.it

per scaricare il modulo, clicca qui

scheda iscrizione Carnevale 2019.pdf

Viaggio fotografico in Provenza, 27-30 giugno 2019

A pensare alla Provenza a fine giugno, vengono subito in mente tre cose:
il costante frinire delle cicale, il profumo intenso della lavanda in piena fioritura, le distese blu dei campi.

La Provenza è prima di tutto una forte ed indimenticabile esperienza sensoriale.
Ma poi non riesci a toglierti dalla testa il dolce aroma del miele alla lavanda, il sapore delle pietanze alle famose erbe provenzali, la leggera brezza nelle stradine in pietra dei fiabeschi villaggi in pietra, aggrappati sui colli irti di vigneti, pettinati dalla sapiente mano di vignerons famosi in tutto il mondo, i mille colori delle ocre, l’ombra al profumo unico dei platani nelle piazzette coi campetti per giocare a pétanque, i colori delle case e delle finestre.

La Provenza è puro godimento, per il corpo e per l’anima.
E come ogni piacere, si gusta lentamente. Si assapora con calma, senza correre, perdendosi.
I provenzali dicono “flâner”, cioè gironzolare, crogiolarsi.
Con “Scatti lenti” scopriamo la Provenza allo stesso modo, sapendo dove andare, ma gironzolando, senza correre, crogiolandosi nel godimento e nel piacere della scoperta e dell’accedere all’anima profonda di questa indimenticabile regione.

Già dal primo giorno la Provenza vi entrerà dentro e non vi lascerà più.
A bordo di un minivan, da 9 confortevoli posti, raggiungeremo incredibili attrazioni naturalistiche ed incantevoli villaggi di charme.
La fotografia sarà sempre ampio spazio: il programma e i tempi del viaggio sono stati studiati per limitare al minimo gli spostamenti, avendo così più tempo a disposizione per scattare secondo le nostre emozioni, avere il consiglio del tutor ed il confronto con i compagni di viaggio.
L’hotel dove pernotteremo è vicino alle mete principali, in zona tranquilla e dotato di piscina dove rinfrescarsi nel tardo pomeriggio prima di cena.

Il piccolo gruppo consente attenzione per tutti, e più facilità negli spostamenti.
Sono previste passeggiate e dislivelli adatti a tutti.
(c) foto di Anna Balbiano d'Aramengo, che ha partecipato lo scorso anno.

  MODULO DI ISCRIZIONE

Scaricare il pdf, compilare ed inviare a info@scattilenti.it

per scaricare il modulo, clicca qui

modulo iscrizione provenza 19.pdf